Cerca
  • PAN Italia

Sorpresa! Agroecologia e agroforestazione attirano sempre più capitali.

Aggiornato il: lug 14

Nel mondo gli investimenti nei sistemi agroforestali sono in netta crescita. Cosa sta succedendo?


Gli studi scientifici non lasciano dubbi; l'integrazione degli alberi nei terreni agricoli è benefica per la salute del suolo, la produzione agricola, il sequestro della CO2 ed il ripristino della biodiversità. Negli ultimi anni l'interesse del settore privato per gli sforzi "sostenibili" e "rispettosi del clima" è salito alle stelle. Haim Israel, responsabile degli investimenti tematici della Bank of America, ha suggerito al World Economic Forum all'inizio di quest'anno che il mercato delle soluzioni climatiche potrebbe raddoppiare da $ 1 trilione di oggi a $ 2 trilioni di dollari entro il 2025.


Gli investimenti nell'agricoltura rigenerativa, le pratiche che migliorano e non degradano la terra, stanno aumentando rapidamente. Un esempio è la startup americana “Propagate Ventures” che in pochi anni ha raccolto 1,5 milioni di dollari per aiutare gli agricoltori degli Stati Uniti a passare dall'agricoltura convenzionale all'agricoltura forestale.


In generale un rapporto del 2019 dell'Istituto Croatan ha valutato in circa 47,5 miliardi di dollari gli investimenti negli Stati Uniti con criteri di agricoltura rigenerativa. Il suo portavoce ha dichiarato che "gli investitori stanno iniziando a porre domande non solo in relazione ai rendimenti ma anche a come i loro investimenti potrebbero avere effetti negativi per motivi di impatto ambientale".


L'agroforestazione, l'antica pratica di incorporare alberi nell'agricoltura, è un sottoinsieme dell'agricoltura rigenerativa. Il progetto “Drawdown” sulla mitigazione dei cambiamenti climatici, stima che circa 650 milioni di ettari (1,6 miliardi di acri) di terra siano attualmente in sistemi agroforestali. Ernst Götsch, leader nel mondo dell'agricoltura rigenerativa, ritiene che i sistemi agroforestali possano generare un profitto otto volte maggiore rispetto all'agricoltura convenzionale e si prevede tra il 4% e il 7% di ritorno sugli investimenti.


Molte aziende agricole si stanno muovendo verso l'agro forestazione; nel Massachusetts è stato realizzato un allevamento di polli tra i castagni, in Messico la direttrice internazionale della Organic Consumers Association, Ronnie Cummins, sta raccogliendo investitori per un nuovo progetto agro forestale di agave, ma anche grandi aziende produttrici di caffè e di cioccolato stanno andando in questa direzione.


Secondo il progetto "Drawdown" le pratiche agroforestali sono uno dei metodi migliori per estrarre il carbonio dall'aria, non solo, unire forestazione e allevamento sarebbe una delle soluzioni di maggior impatto climatico, al di sopra dell'energia solare sui tetti e dei veicoli elettrici.


Fonte: https://news.mongabay.com/2020/07/investors-find-agroforestry-isnt-just-climate-friendly-it-can-also-be-profitable/?fbclid=IwAR2SW0X4ftX-TskHa8Moia__1Wd1j0OvaLjJzHsVQvjRZZYms6Uwkhj347w


0 visualizzazioni

Sede PAN Italia  Università Politecnica delle Marche (AN)         panitalia20@gmail.com