Cerca
  • PAN Italia

Il boomerang dei pesticidi. Un autogol europeo.

Aggiornato il: lug 29

Il “Background paper” 2020 di Foodwatch mostra come buona parte dei guadagni delle multinazionali della chimica derivi dalla vendita di pesticidi molto pericolosi, gli High Hazard Pesticide (HTTPs), vietati in Europa ma prodotti in Europa ed esportati in tutti gli altri paesi. (qui il paper tradotto in Italiano).

Per Syngenta si parla del 39% e per BAYER AG del 36,7%, percentuali davvero molto alte!


Di fatto è tutto legale perché non esiste nessuna legge che vieta la produzione e la vendita di questi pesticidi. L'unico paese della UE che ha deciso di vietare la produzione, lo stoccaggio e la vendita di prodotti fitosanitari con sostanze vietate dall'UE è la Francia, scatenando l’immedita reazione delle lobby.


L’UE non riesce però a imporre regole simili perché, come dimostrato dai documenti ottenuti dalla ONG Corporate Europe Observatory (CEO), sottoposta ad una pressione continua da parte delle lobby e dei paesi extra UE, inclusi i civilissimi Stati Uniti e Canada, che vedono qualsiasi misura di protezione della l'UE sui pesticidi come un ostacolo agli scambi.


Un chiaro esempio ne sono gli accordi internazionali come il CETA, che permette al Canada di utilizzare pesticidi non consentiti nell'UE, compresa l'Atrazina. La stessa situazione si sta profilando per il MERCOSUR, tra UE e Brasile, Argentina, Paraguay e Uruguay.


E’ impressionante leggere che solo il 3,3% di tutti i pesticidi in uso nel mondo sono regolati rigorosamente.

Questa regolamentazione a maglie larghe è un vero autogol per l’Europa. In primo luogo per gli agricoltori, che si trovano a competere con prodotti importati ottenuti proprio con quei pesticidi a loro vietati, in secondo luogo i consumatori europei se li ritrovano nei piatti come residui.


A livello internazionale dobbiamo considerare ben altri parametri! Secondo le Nazioni Unite sottoporre le persone a tossine note per causare gravi danni alla salute è una violazione dei diritti umani. Le aziende produttrici, però, non sono ritenute responsabili, tutta la responsabilità è spostata verso i paesi importatori.


Nel suo report "Esportazioni tossiche", PAN Germany ha calcolato che dalla Germania sono partite quasi 60 mila tonnellate di pesticidi e che su 233 sostanze ben 62 erano HHPs. I paesi importatori di queste sostanze sono soprattutto Angola, Argentina, Brasile, Cile, Cina, Colombia, Egitto, Indonesia, Tailandia, Turchia.


Vediamone alcune da vicino:


  • Acetochlor e Tepraloxydim: classificati come cancerogeni e tossici per la riproduzione

  • Cyfluthrin: entra nella seconda classe di rischio più alta per la tossicità acuta da parte dell'OMS (WHO Ib)

  • Cyanamide: non approvato dalla UE dal 2008 per evidenti problemi agli agricoltori.

  • Thiamethoxam: vietato in Europa perché considerato una minaccia per le api e tossico per la vita acquatica (Syngenta realizza il 12% delle vendite con questo insetticida).

  • Glufosinate: considerato pericoloso per gli animali e il feto.

  • Actellic Super: pesticida che Syngenta esporta in Kenya considerato cancerogeno e potenzialmente dannoso per il DNA.

  • Atrazina: vietata dal 2004 perché considerato dall'Agenzia Europea per le Sostanze Chimiche (ECHA) tossico per gli organismi acquatici con effetti di lunga durata e può provocare danni agli organi in caso di esposizione prolungata o ripetuta. Nel 2015 sono state esportate in totale 2.484 tonnellate in Azerbaigian, Pakistan, Stati Uniti, Ucraina, Sudan, Brasile e Sudafrica.


Foodwatch sta portando avanti una petizione, con grande successo, per chiedere a Bayer AG, Syngenta e BASF di interrompere la produzione e l'esportazione di pesticidi vietati nell'UE.

Per firmare:

www.foodwatch.org/fr/sinformer/nos-campagnes/alimentation-et-sante/pesticides/petition-stop-au-boomerang-empoisonne-ni-production-ni-exportation-de-substances-interdites/?fbclid=IwAR2v0QOlB3g1kiVUWpbxpTcB2W1P1VQd4bP7nEKux2LLLG2Eah9oq_1VzHg

FONTI --------------------------

Background paper di Foodwatch "STOP THE POISON BOOMERANG"

--------------------------

PAN Germany "Toxic Exports"

--------------------------

Unearthed "Revealed: The pesticide giants making billions on toxic and bee-harming chemicals"

--------------------------

PublicEye "Highly hazardous pesticides: a global health concern"


74 visualizzazioni

Sede PAN Italia  Università Politecnica delle Marche (AN)         panitalia20@gmail.com